Ultimo giorno di lavoro per i 15 team internazionali che si sfidano al #solardecathlonmiddleeast di #Dubai.
Obbiettivo: costruire la casa del futuro!

Cinque le giurie che valuteranno #Architettura, #Sistema costruttivo, #Efficienza energetica, #Sostenibilità #Comunicazione nei prototipi realizzati in scala 1:1 al Mohammad Bin Rashid Al Maktoum Solar Park.

I lavori di costruzione della Solar House italiana #ReStart4Smart sono quasi terminati. Il Team Sapienza ha lavorato intensamente nelle ultime tre settimane: tutto dev’essere pronto per la grande cerimonia di inaugurazione che si terrà domani 14 novembre, alla presenza dell’Emiro Mohammed bin Rashid Al Maktoum.

#flora, la fontana interattiva di Forme d’Acqua disegnata da Simona M. Favrin – Favrindesign è stata connessa alla domotica della casa ed è pronta ad accogliere i giudici che valuteranno il progetto che rappresenterà l’Italia nella competizione internazionale.

Innovazione, tecnologia e design sono gli elementi che la caratterizzano e che si sposano con il DNA del progetto dell’Università La Sapienza.

Le 15 squadre che partecipano al Solar Decathlon  provengono da 11 paesi del mondo: l’Italia sfiderà, tra gli altri, Emirati Arabi, Australia, Francia, Malesia, Paesi Bassi, Palestina, Romania, Arabia Saudita, Taiwan,  Stati Uniti. Una sfida internazionale per un progetto comune, creare il prototipo di una abitazione che sia innovativa e sostenibile.

Le giurie esamineranno le Solar House in dieci prove differenti: architettura, ingegneria e costruzione, gestione energetica, efficienza energetica, comfort della casa, funzionalità, trasporto sostenibile, sostenibilità, comunicazione e innovazione.

Le misurazioni e i controlli per testare l’efficienza energetica delle abitazioni cominceranno già dal giorno seguente l’inaugurazione e le valutazione continueranno per le due settimane successive.

Ancora poche ore e la gara avrà inzio.

#staytuned!

Ancora poche ore e la gara avrà inizio.

#staytuned!